Tre iniziative per vivere il Coraggio della carità al tempo del coronavirus

Volentieri condividiamo le decisioni e le iniziative prese dagli AJA del nostro gruppo, in questo tempo di Coronavirus: nulla sarà più come prima, sia dal punto di vista spirituale e sia dal punto di vista esistenziale.

Noi, gruppo AJA di Villa San Giovanni, come abbiamo reagito e come ci siamo organizzati di fronte all’emergenza Coronavirus?  

 - Ancora prima che ce lo chiedessero le autorità, in via precauzionale, abbiamo sospeso ogni nostra attività presso Casa Cassibile, casa-famiglia per donne adulte con disabilità mentale, e convertito la nostra riunione AJA di giovedì 12 marzo, per il contributo al 21° Capitolo Generale, in un momento di preghiera e riflessione personale da condividere poi telefonicamente.  

 - Sin dai primi giorni di permanenza a casa, ci siamo chiesti: come si sarebbe comportata S. Giovanna Antida in questa situazione? A cosa ci chiama oggi il Coraggio della Carità? Ecco i tre servizi che abbiamo organizzato:

  1. Mascherine artigianali a tre strati, impermeabili, igienizzabili e riutilizzabili, per riservare quelle professionali ai sanitari e dove ce n’è più bisogno
  2. Vigilanza telefonica attiva e personalizzata per persone sole
  3. Servizio a domicilio per beni di prima necessità,
    • Particolare significato sta rivestendo l’iniziativa di vigilanza telefonica attiva, rivolta alle persone sole. Perché, oltre a far sentire una voce amica e vicinanza, anche se per telefono, è utile per cogliere precocemente l'insorgenza di sintomi peggiorativi, da segnalare ai servizi sanitari competenti, segnalazione molto utile a prevenire complicanze respiratorie, tanto che siamo stati invitati a coordinarci con il Comune, Croce Rossa, Protezione Civile e Consulta 3° settore.

Infine, ci siamo proposti di devolvere le offerte raccolte al reparto Covid del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria.

E per il tempo Coronavirus futuro? Come pensiamo di viverlo?

Papa Francesco ci esorta a “impiegare bene questo tempo d’isolamento sociale, colmandolo di amore, speranza, solidarietà, tenerezza”, che per noi Amici di S. Giovanna A., significa aver cura che queste raccomandazioni siano “il come” operare nel vivere il Carisma della Carità.

In conclusione, un pensiero particolare nelle nostre preghiere a tutte le vittime di questa pandemia e un ringraziamento per tutte le guarigioni. Sperando finisca prima possibile.

Gli Amici di SGA

Gruppo di Villa S. Giovanni- Casa Famiglia Cassibile